Un weekend in Friuli Venezia Giulia: guida per uno studente fuorisede

Piazza Unità d'Italia, Trieste (credits: Flickr)

Nonostante sia una piccola regione, il Friuli Venezia Giulia (FVG) offre una moltitudine di opportunità per visitare luoghi particolari, assaggiare piatti tipici e scoprire posti inesplorati. Il suo territorio non si estende su una superficie molto ampia ma con le sue offerte riesce ad accontentare tutti i gusti, dagli amanti della montagna a quelli del preferiscono il mare dato che comprende sia le incantevoli Alpi Giulie che alcune località balneari dell’Adriatico come Lignano e Grado. Proprio per questo motivo uno studente fuori sede non potrà mai annoiarsi e seguendo questa breve guida potrà prendere spunto per delle nuove escursioni da poter fare nel weekend alla scoperta di questa splendida regione.

Immancabile è una visita al capoluogo di regione: Trieste. Questa meravigliosa città che si affaccia sul mare vi farà innamorare di lei. È facile arrivarci in treno e ben servita dai bus, quindi ogni posto che vorrete andare a visitare potrete raggiungerlo facilmente. Se desiderate farvi una passeggiata per ammirare il centro della città dovete assolutamente passare per Piazza Ponterosso, che vi stupirà con palazzi che si affacciano sul canale che la attraversa. Inoltre lì potrete trovare degli ottimi ristorantini e paninerie che vi daranno la possibilità di cenare direttamente vicino al canale ammirando la vista sul mare.

Piazza Ponterosso e il suo canale, Trieste (credits: Flickr)

Proseguendo poi potrete inoltrarvi nella maestosa Piazza Unità, tipica tappa turistica che soprattutto durante il periodo natalizio offre di sé un’immagine mozzafiato: potrete ammirare la piazza circondata di abeti decorati e mercatini natalizi nei quali trovare i regali perfetti per Natale. Da Piazza Unità poi la passeggiata lungo il Molo Audace diventa obbligatoria: è consigliabile andare di sera un po’ prima del tramonto per poter ammirare tutte le sfumature che il sole offre mentre cala sul mare. Se siete alla ricerca di un’esperienza culinaria potete andare in uno dei tanti ristoranti presenti nella zona Cavana, a due passi da Piazza Unità; questi posti caratteristici sapranno offrirvi i migliori tipici piatti della cucina triestina. Se volete fermarvi a bere un tè e a leggere un buon libro, dovete assolutamente andare al Caffè San Marco, uno dei caffè letterari tipici di Trieste; invece se desiderate fare una buona merenda e degustare dei dolci americani, come cupcakes e pancakes, sulla zona delle Rive trovate due fantastiche pasticcerie. Per una giornata all’insegna della cultura, le tappe obbligatorie sono il Castello di Miramare, la Cattedrale e il Castello di Castello di San Giusto, il Teatro Romano oppure partecipare ad uno degli spettacoli teatrali del Teatro Rossetti o del Teatro Verdi.

Se siete amanti della montagna, il Monte Lussari è il posto per voi. È facilmente raggiungibile in treno grazie alla presenza della vicina stazione di Camporosso che dista pochi minuti da dove parte l’ovovia per raggiungere la vetta del monte. Per gli amanti dello sci sarà una goduria percorrere la pista di quasi 4 km che dalla cima arriva fino a valle, mentre per chi desidera godersi il panorama c’è la possibilità di fare una passeggiata lungo il paesino che abita questo monte. Per chi volesse bersi una cioccolata calda con la panna oppure degustare i tipici piatti della cucina friulana carnica, troverà nei tanti ristoranti presenti quel che cerca. Il Monte Lussari è raggiungibile sia con l’ovovia sia a piedi, sono presenti infatti un sentiero e una strada forestale che portano fino al borgo: il tempo stimato di percorrenza è di circa tre ore ed è alla portata di tutti. È quindi un luogo perfetto da visitare sia durante la stagione estiva che quella invernale.

Il monte Lussari (Credits: Flickr)

Il FVG è famoso anche per il prosciutto di San Daniele del Friuli. Questo paesino si trova al centro della regione ed è conosciuta a livello internazionale per la produzione del suo prosciutto, proprio per questo sono presenti molti ristoranti e trattorie nelle quali si può degustare questa prelibatezza tipica friulana. Nel mese di giugno si svolge anche la manifestazione “Aria di festa” nella quale i prosciuttifici aprono le loro porte per delle visite guidate e il paese si riempe di gente che per tutto il giorno fino a notte anima la piazza e le sue viuzze. Da San Daniele si raggiunge in un attimo anche Spilimbergo, tipico paese di stampo medioevale che con il suo centro storico offre la sensazione a chi ci passeggia di ritrovarsi catapultato nel ‘500. Visitando il Palazzo di Sopra e i suoi giardini si può ammirare la vista sul fiume Tagliamento e su tutto l’arco collinare e montano di questa regione. Per gli amanti dell’arte la tappa alla Scuola dei mosaicisti del Friuli è d’obbligo: essa conferisce alla cittadina di Spilimbergo un rilievo di stampo internazionale poiché è una delle più antiche scuole che insegnano l’arte del mosaico.

Questa regione è anche ricca laghi, vicino ai quali poter andare a fare delle passeggiate rilassanti o dei giri in canoa, per chi invece volesse scoprire un luogo più particolare e ricercato, i Laghi di Fusine fanno al caso suo. I due laghi si trovano nel comune di Tarvisio, in Val Canale, a due passi dal confine con la Slovenia e l’Austria. Sono due laghi alpini che danno la possibilità di scoprirli attraverso numerosi sentieri che li circondano; per gli amanti dell’arrampicata sono presenti anche delle pareti di roccia spesso frequentate poiché danno la possibilità a chi pratica questo sport di immergersi indisturbato nella natura di questo stupendo paesaggio friulano. Durante il periodo invernale questi laghi suggestivi regalano delle visioni mozzafiato perché il più delle volte si ghiacciano.

La seconda città del Friuli Venezia Giulia è Udine. Questo centro di poco meno di centomila abitanti offre a chi lo visita numerose attività culturali ed enogastronomiche; facilmente raggiungibile in treno e ben servita dai mezzi pubblici. Gli appassionati di teatro possono sbizzarrirsi partecipando ai numerosi spettacoli che ogni stagione il teatro Giovanni da Udine propone, mentre per chi ama di più le rassegne letterarie e culturali è consigliabile partecipare al festival “Vicino/lontano” che ogni anno nel mese di maggio si svolge nel centro udinese, presentando argomenti di dibattito e riflessione sulle principali questioni di attualità del momento.

la Loggia del Lionello in Piazza Libertà, Udine (Credits: Flickr)

Guardando al lato più allegorico della vita udinese questa città presenta un evento molto sentito a livello regionale: Friuli doc. Questa grande manifestazione enogastronomica riempe la cittadina di migliaia di persone e offre ai visitatori la possibilità di degustare i migliori vini friulani e i più squisiti piatti tipici regionali. Un’evento che si svolge agli inizi di settembre e un’occasione da non perdere per vivere a pieno una tipica serata friulana.

Queste sono solo delle poche mete da cui potete prendere spunto per visitare questa sorprendente regione. Basta un po’ di spirito di avventura e vedrete che questo territorio saprà offrirvi tutto ciò che cercherete. Buona visita!

1 Comment on Un weekend in Friuli Venezia Giulia: guida per uno studente fuorisede

  1. Ottimo articolo, è stato un piacere leggero. Complimenti all’autrice, che ha dovuto scegliere tra moltissime “perle” regionali. Il Friuli Venezia Giulia offre così tanti luoghi da esplorare che si potrebbe fare perfino una rubrica per raccontarli tutti!

    Per gli amanti della montagna e/o della storia, aggiungo un suggerimento per alcune escursioni a piedi partendo da Gorizia (quindi a costo zero!) che abbiamo raccontato su Sconfinare tre anni fa: http://www.sconfinare.net/a-piedi-nel-goriziano-itinerari-sulle-tracce-della-grande-guerra/

    Chi volesse saperne di più su escursioni a piedi intorno a Gorizia può contattarmi :)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: