L’eccellenza e il trionfo del Porco

 

Chissà se Giulio Cesare Croce, cantore bolognese del 1500, pensava ad una vera e propria festa del Porco quando ha scritto la sua lectio brevis L’eccellenza e il trionfo del Porco“. Probabilmente sì, precursore e genio qual era.

Aveva capito tutto, prima di tutti. Dell’arte del Porco, oggetto sacro da gustare e venerare di generazione in generazione. Anche oggi, nonostante i fast food e la schizzinosa schizofrenia da cibo in scatola.

Ce l’ha ricordato il Pork Party organizzato da Assid, un insolito ma grandioso evento dedicato interamente alle gioie del Maiale. Buono. Succulento. Da accompagnare con del buon vino.

Giulio Cesare Croce – con le sue parole semplici come la verità, non può che non avere ancora ragione. In barba ai 5 secoli che sono passati, alla nouvelle cuisine e alla piaga del vegetarianismo.

Vi ripropongo un passaggio del libro:

Il Porco è ghiotto, e tiene in allegrezza
La casa tutta, e quanto più egli è grasso
Tanto più ciaschedun l’ama e apprezza.
Tutto va in opra e qui di dir non lascio,
Che sopra ogni animal il vanto porta;
E lo scrive Avicenna e Hipocrasso.

Egli è morbido, e tondo e ne la porta
Dove egli entra, ogni gaudio seco mena,
E dei Golosi è duce, guida e scorta.
Mangiar si può il Porchetto a pranzo, a cena,
In potaggio, in soffritto, arrosto e a lesso,
Secondo, che a tal or l’uomo è di vena.

Ma chi vuol ben goderlo, cerchi appresso
Aver il fiasco coi liquori di Bacco,
Da poter bene sonar la piva spesso.
Perché la sete a naso, come il Bracco
Lo segue onde bisogna, come ho detto,
Star in cantina e giocar spesso a sacco.
Voglio dir, con i bicchieri darsi diletto
Perch’ei cava la sete, e dà buon bere,
Onde causan due cause un solo effetto.

(Fonte testo: Biblioteca comunale dell’Archiginnasio di Bologna)

 

avatar

About Nicolas Lozito

Laureato in Scienze Internazionali Diplomatiche. Scrivo per Sconfinare dal 2010. Per un anno ho scritto di cinema sconosciuto con la rubrica Persi e Perduti, adesso ho preso una pausa di riflessione. Così ora parlo di università, Gorizia ma soprattutto America, anzi iMerica.