èStoria 2016 – Libertà e lavoro, binomio per il futuro

Da sinistra: Andrea Mitri, Lorenzo Gallas, Marco Barbario e il prof. Paolo Fedele/ foto @eStoriaGorizia
Da sinistra: Andrea Mitri, Lorenzo Gallas, Marco Barbario e il prof. Paolo Fedele/ foto @eStoriaGorizia

Lavoro: si si volesse parlarne,  cominciare con “non c’è” sarebbe ormai diventato d’obbligo. O meglio, è così se si ha perso ormai ogni speranza, preferendo guardando all’estero piuttosto che sperare di trovare un’occupazione il più vicino a casa possibile. O addirittura se si pensa che un’occupazione è destinata a rimanere un sogno.

Da sinistra: Andrea Mitri, Lorenzo Gallas, Marco Barbario e il prof. Paolo Fedele/ foto @eStoriaGorizia
Da sinistra: Andrea Mitri, Lorenzo Gallas, Marco Barbario e il prof. Paolo Fedele/ foto @eStoriaGorizia

A èStoria non sono mancati i messaggi di speranza, grazie soprattutto all’assessorato alle politiche giovanili del Comune di Gorizia. Tra gli appuntamenti ospitati sotto la Tenda Giovani, infatti, uno in particolare ha visto da vicino giovani e mondo del lavoro: “Lavoro, giovani e libertà: un trinomio indissolubile”, sabato 21 alle 15.

La parola “libertà” non è stata certo messa a caso: è l’esatto contrario di schiavitù, tema di quest’anno del festival, ed è la condizione che si raggiunge quando si riesce a dare forma ai propri sogni. Proprio come hanno fatto Andrea Mitri, Lorenzo Gallas e Marco Barbariol, i protagonisti dell’appuntamento moderato da Paolo Fedele, professore di Economia Aziendale presso l’Università di Udine.

Le storie di Mitri e Gallas sono partite dalla provincia friulana, anche con qualche difficoltà: il primo ha dato vita ad un’azienda di bici elettriche nelle Valli del Natisone, cercando di colmare l’assenza che fino ad allora impediva a chi, non potendo o volendo mantenersi una veicolo motorizzato, volesse spostarsi per quelle zone. E ci è riuscito anche grazie all’importante tradizione familiare nel settore.

Il secondo, invece, non contava su quest’ultimo fattore ma comunque, nel 2013, è stato il co-fondatore della Gallas Group Sas. Tutto era partito dall’esigenza familiare di trovare una badante e le difficoltà riscontrate hanno aperto una strada: creare un’azienda per la selezione del personale domestico. Oggi il gruppo conta tre filiali in regione e altrettante sono in procinto di aprire anche in Veneto.

Barbariol invece è consulente con la Cooperativa Sociale La Collina, per la quale sviluppa progetti legati all’innovazione sociale e culturale: un punto di vista interessante il suo per guardare nell’insieme il presente, dominato da sfide risolvibili solo creando da zero nuove soluzioni che possono cambiare la vita nostra di tanto altri.

I segnali per un futuro meno grigio di oggi, per tanti ragazzi che sognano un’occupazione, sono stati lanciati. Sicuramente lo sforzo più importante dovrà essere degli stessi giovani, costretti a crearsi da sé il domani. Ma, probabilmente, sarà molto più bello così che in qualsiasi altro mondo fatto da scelte sicure.

About Timothy Dissegna 101 Articles
Studente classe '95 della Triennale al SID, udinese, arbitro di calcio. Amo leggere, ascoltare, il teatro. Cerco storie che parlino di persone e di frontiere dietro casa. Un futuro prossimo remoto nel giornalismo, collaboro con il Messaggero Veneto e Mangiatori di cervello. Se poi mi avanza tempo salverò il mondo, ma con calma.

Be the first to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: