Il simpatico debutto del Canada su Twitter

Il nuovo e simpatico account Twitter del Canada

Non è sicuramente il primo paese ad aprire un account nazionale (vedi Gran Bretagna, Israele, Sud Africa,etc.), ma ieri sera su Twitter il Canada ha inaugurato il suo nuovo account facendo sfoggio ancora una volta delle sue migliori caratteristiche: calma, ironia, consapevolezza.

L'account twitter del Canada

Il dipartimento degli affari esteri canadese sarà anche nuovo alla famosa piattaforma di microblogging, ma pare abbia capito già molto bene le sue dinamiche, inaugurando il nuovo account canadese così:

E ovviamente sia mai che si dimentichi della sua percentuale francofona

Nei tweet che seguono vengono invece enunciati gli obiettivi dell’account, mentre viene preso in giro lo stereotipo per cui il canadese tende sempre a scusarsi troppo.

 

 

Gli account ufficiali come questo solitamente differiscono da quelli governativi (come questo), e molto spesso i primi non vengono ritenuti necessari per la strategia comunicativa del governo. In realtà servono per promuovere il turismo, rappresentano una finestra aperta sul mondo e tendono ad evitare gli affari politici.
Gli Stati Uniti, per esempio, hanno all’attivo soltanto l’account governativo e alla fine dei conti (stilati da @Twiplomacy) gli account nazionali ufficiali nel mondo sono soltanto 11. Da ieri 12.
Ma c’è anche chi -tra questi 12- negli ultimi anni si era già lasciato andare ad  interessanti esperimenti sociali, come quello proposto dalla Svezia, quando il governo svedese decise di far tenere le redini del suo account ufficiale ai propri cittadini.
Il progetto svedese, iniziato nel dicembre 2012, prevedeva che l’account sarebbe stato gestito ogni settimana da un cittadino diverso. L’importante era che questo fosse “interessante, twitter-letterato e felice di postare in inglese”. Come si poteva facilmente prevedere, il troll era già dietro l’angolo pronto ad attaccare e l’esperimento svedese generò numerose polemiche in seguito alla pubblicazione di questo articolo sul New York Times.
Il Canada, per ora, sembra lontano da questo tipo di provvedimenti, ma avendo all’attivo neanche una decina di tweet, la direzione che prenderà è ancora segnata in matita. Se però continuerà con questo tono, non ci deluderà.
E compreremo vasetti su vasetti di sciroppo d’acero ancora più volentieri.

About Valentina Tonutti 39 Articles
Ho venti e qualcosa anni ma ne percepisco 65, ho un inestinguibile accento friulano e scrivo per non piangere. Studio al Sid ma ai discorsi di Churchill preferisco quelli di Johnny Cash.

Be the first to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: