“Moving Minds”: il fenomeno TEDx arriva anche a Castelfranco Veneto

Un evento targato innovazione, progresso e creatività quello che si è tenuto al Teatro Accademico di Castelfranco Veneto sabato 22 ottobre il cui tema “moving minds’’ (menti in movimento) si pone l’obiettivo di valorizzare attraverso temi di vario genere ciò che la mente rappresenta per noi. Quattordici relatori, le cui menti hanno girato, viaggiato, studiato ed amato, ci raccontano cosa hanno imparato dalla vita in brevi talks della durata di 10/15 minuti.

Con l’acronimo TEDx (Technology, Entertainment, Design) si intendono tutti quegli eventi locali, organizzati in maniera indipendente ma sotto licenza concessa da TED stesso, che hanno lo scopo di scambiare idee ed incitare il dialogo e la discussione tra gli spettatori, e il cui unico limite è rispettare le linee guida del format in questione.

L’organizzazione che sta alla base di tutti questi eventi, TED appunto, fu fondata nel 1984 negli Stati Uniti con lo scopo di “condividere idee che meritano di essere diffuse” attraverso interventi, chiamati talks, della durata di massimo 15 minuti. Personalità di spicco hanno avuto l’onere e l’onore di partecipare, tra i quali, per citarne alcuni, Bill Gates, Al Gore, Isabel Allende e Stephen Hawking. Tutti gli interventi vengono sempre registrati per poi essere pubblicati gratuitamente sul sito Ted.com ed essere così disponibili a tutti.

foto-articolo

Una nota di riguardo va anche alla location di questa edizione di TEDx, ossia il Teatro Accademico della città di Castelfranco Veneto. Questo teatro, uno dei luoghi più suggestivi e caratteristici della cittadina veneta, venne costruito tra il 1754 e il 1780 dall’architetto Francesco Maria Preti, con lo scopo di creare un luogo dove potersi riunire e dare prestigio alla città anche dal punto di vista culturale. Particolarmente significativo per il teatro è certamente il soffitto, il quale originariamente fu affrescato da Canaletto, ma venne poi sostituito a causa di usura e restauri da un opera commissionata ai Santi di Venezia. Questo luogo di fascino, storia, architettura e mistero dona certamente un valore aggiunto alla manifestazione.

I tredici speaker che si sono susseguiti durante il pomeriggio vengono da realtà e ambienti molto diversi, ma sono accomunati dalla stessa voglia di condividere idee e progetti che permettono di creare un “movimento di menti” che possa essere in grado di cambiare e rivoluzionare la realtà che ci circonda. Hanno preso la parola professori universitari, studenti, sportivi, economisti, botanici e genitori che vogliono insegnare come e perché è possibile e necessario portare un cambiamento alla società, e più nello specifico alla vita.

articolo-tedx-castelfr

A rompere il ghiaccio è stata Giorgia Miotto, esperta di strategie aziendali, che cerca di convincere il pubblico in 10 minuti sull’importanza della sostenibilità nelle aziende per creare attività economiche redditizie con un buon impatto sulla società e l’ambiente, seguita poi da Renzo Taffarello, che si occupa di economia sostenibile e dal duo Agnese Piselli & Margherita Basso, studentesse universitarie, rispettivamente ingegnere e designer, che raccontano com’è possibile unire due prospettive opposte per creare un prodotto finale e sottolineano l’importanza del confronto.

Dopo un breve video sono saliti sul palco anche Riccardo Pittis, ex giocatore di basket professionista ed oggi mental coach, formatore e keynote speaker per varie aziende, Carlo Bagnoli, professore universitario di Strategia Aziendale e Sistemi di Programmazione alla Ca’ Foscari di Venezia e Nicolas Ballario, esperto di arte contemporanea e curatore di numerose esposizioni che nei minuti a disposizione spiega perché “non posso farlo anche io”, riferendosi alla tipica affermazione di chi osserva opere di artisti contemporanei.

Una breve pausa interrompe l’evento che riprende alla grande dopo 45 minuti con la seconda metà degli Speaker. Ricomincia Andrea Dalla Costa, Art Director e Film Maker, che sostiene come sia importante la noia al fine della creazione e della stimolazione dell’immaginazione, Mirko Bordignon, ingegnere robotico e Project ManagerAnilkumar Dave, cittadino italiano di origine indiana che si occupa di progetti promossi dall’Unione Europea e  Pier Alberto Guarniero, professore universitario presso l’università di Warwick in Inghilterra, che si distingue per la sua passione e il suo talento per l’insegnamento, tanto da vincere il premio Warwick Award for Teaching Excellence.

Concludono Davide Gomba, appassionato di Video-Making e fondatore della start-up “Officine Arduino”, Renza Barbon Galluppi, madre di due figli affetti da una malattia rara e Renato Bruni, esperto di botanica, che spiega come può essere complicata, intelligente e affascinante la vita vegetale.

L’evento, durato l’intero pomeriggio, è stato certamente un successo. Merito del format di TEDx, che permette di trattare un numero vasto di argomenti in tempi brevi ma efficaci, e certamente anche degli organizzatori, tutti ragazzi giovani, che sono riusciti ad esportare un evento internazionale e di successo anche nella piccola realtà di Castelfranco Veneto.

Be the first to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: