Sconfinare Jukebox: Toy e Kite Base, band di spicco dell’indie rock inglese

Per gli appassionati della scena independent, i Toy e le Kite Base non risulteranno di certo sconosciuti, trattandosi di due delle band più talentuose e innovatrici della scena indie rock inglese.

Entrambe le band approdano ora in Italia con alcune date, tappe del loro tour europeo finalizzato alla promozione dei rispettivi nuovi album: Clear Shot per i Toy e Latent Whispers per le Kite Base che sarà anche il loro album d’esordio.

 

I TOY E IL LORO POST PUNK PSICHEDELICO

unnamed (1)

Ad un anno e mezzo esatto dalla loro data a Pordenone, i Toy sono ritornati in Italia con ben 4 appuntamenti questo mese: il 23 Febbraio al Bronson di Ravenna, il 24 al Monk di Roma, il 25 al Glue di Firenze e il 26 al Serraglio di Milano.

La band, composta dal chitarrista e cantante londinese Tom Dougall (fratello di Rose delle The Pipettes), il chitarrista Dominic O’Dair , il bassista Maxim “Panda” Barron –tutti precedentemente membri del gruppo dei Joe Lean & the Jing Jang Jong- Charlie Salvidge (batteria) e dalla spagnola Alejandra Diaz- ha pubblicato il loro nuovo album dal titolo “Clear Shot” lo scorso ottobre per l’etichetta Heavenly.

Le dieci tracce confermano il sound psichedelico, amplificato dalla voce di Tom Doughall, che al tempo stesso si rende però più maturo, strizzando l’occhio da una parte al post punk e dall’altra alle spinte pop. Il risultato ne è un lavoro sperimentale di esplorazione sonora coinvolgente, dove l’uso di organi e synth la fa da padrone, riportando alla mente sonorità simili alle colonne sonore di Ennio Morricone e alla musica folk di stampo psichedelico. Il tutto sapientemente revisionato e tirato a lucido da Chris Coady che ha mixato l’album a Los Angeles con alcuni processori vocali utilizzati su Purple Rain.

La track list dell’album:

  1. Clear Shot
  2. Another Dimension
  3. Fast Silver
  4. I’m Still Believing
  5. Clouds That Cover The Sun
  6. Jungle Games
  7. Dream Orchestrator
  8. We Will Disperse
  9. Spirits Don’t Lie
  10. Cinema

 

L’INDUSTRIAL POP DELLE KITE BASE

unnamed

Considerate tra gli astri nascenti più notevoli della scena musicale londinese e corteggiate da testate come il The Guardian e StereoGum, il gruppo formato da Kendra Frost e Ayşe Hassan, quest’ultima anche bassista delle Savages, ne ha fatta di strada dal 2015.

Il singolo Soothe è l’ultimo di una serie di brani complessi e innovativi che saranno raccolti nel loro primo album la cui uscita è prevista per Maggio e che viene anticipata dal tour europeo con tappa in Italia al Freakout di Bologna il 28 Febbraio e al Magnolia di Milano il primo Marzo.

La band, parlando del singolo uscito assieme al B-side Dadum, lo ha definito come una riflessione sui modi usati per calmarsi e riuscire a dormire quando si è ansiosi e sotto stress, una preghiera, una ricerca di conforto, una cupa ninna nanna. Il tratto dark dato dalle spinte dell’heavy metal e dell’industrial rock è sicuramente una delle caratteristiche più salienti del sound delle Kyte Base che viene tuttavia alleggerito da dei bagliori pop e dalle interazioni vocaliche. Ciò che ne risulta è una continua ricerca musicale volta ad esplorare e contaminare l’atmosfera musicale di stampo psichedelico/dark che è alla base della loro formazione, spingendosi fino alle influenze della tecno-dance.

Anche l’aspetto visivo rappresenta uno degli elementi più significativi della loro arte, come è ben evidente dal video della traccia Transition, pubblicato da poco, dove il tema della canzone si rivela non solo attraverso la musica ma anche tramite le proiezioni visive che fanno da sfondo alla performance.

 

Di seguito la tracklist del loro album d’esordio:

  1. Transition
  2. Dadum
  3. Blueprint
  4. Erase
  5. Soothe
  6. Peripheral Vision
  7. Nineteen
  8. Grids
  9. Miracle Waves

Per entrambe le band, le date italiane sono state organizzate e gestite dal BPM Concerti.

About Laura Dal Farra 15 Articles
Studentessa al primo anno di magistrale di Lingue e Letterature Europee ed Extraeuropee, collaboratrice come giornalista all'inserto Scuola del Messaggero Veneto e Sconfinare, accanita lettrice, grande appassionata di musica, letteratura, cinema, politica e storia. Mi definisco una viaggiatrice senza sosta, sempre alla costante ricerca di qualcosa di nuovo da scoprire e raccontare.

Be the first to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: