Studenti in Movimento

Il SID, dal mese di marzo in poi, s’inserirà perfettamente nell’atmosfera che caratterizza l’Italia intera: quella della campagna elettorale, degli scontri vis-à-vis, della propaganda ideologica… delle elezioni! Eccetto, tuttavia, per l’entità delle dispute, che si sperano essere leali e fondate su dei programmi ben precisi e non sulla semplice contraddizione degli altrui, e per la trasparente e reale voglia di cambiare dei candidati che, a differenza dei “colleghi nazionali”, saranno giovani, dinamici, e colmi di iniziative. Ed è proprio la dinamicità che caratterizzerà i candidati al Consiglio di Facoltà. Tutti appartenenti alla lista “Studenti in Movimento”, lista nata appunto anni or sono in seno al SID, si propongono di creare un legame ancora più solido, o per essere più  precisi, di creare un vero e proprio legame con la sede centrale di Trieste, al fine di combattere per gli interessi del Polo di Gorizia, troppo spesso dimenticato pur essendo la “perla”, il “cuore pulsante” dell’Ateneo. Gli eventi più recenti purtroppo ci danno un’ulteriore conferma del ruolo marginale che ricopre Gorizia: il 4 Marzo al Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I è stata conferita una laurea ad honorem in Scienze Internazionali  e Diplomatiche, per nulla pubblicizzata all’interno del Polo, ma non per “nostra” negligenza bensì per uno scarso e, credo, voluto interesse attribuito da Trieste alla nostra sede. E, al di là delle constatazioni meramente pratiche e logistiche- quali il fatto di aver consegnato la laurea al Patriarca nell’Aula Magna di Trieste- , bisogna più che altro far riferimento al fatto che gli studenti goriziani non siano stati avvisati dell’importantissimo avvenimento, nè tantomeno siano stati “invitati” a partecipare. Non credete che sia giunto il momento di cambiare? Alcuni dei nostri colleghi ci credono a tal punto da essersi proposti come rappresentanti del Polo. Ve li presento:
1) Domenico Pellerito, 2° anno. “Per cambiare occorre partecipare: nessuna lamentela fine a sè stessa!”
2) Andrea Rossa, 3° anno. “Inutile lamentarsi se poi non proviamo a fare qualcosa! Voglio far valere e far rispettare la voce del SID!”
3) Guglielmo Federico Nastasi, 1° anno. “Non credo di essere molto diplomatico, ma diretto e sincero. Amo parlare chiaro.”
4) Livia Manente, 2° anno. “Perchè l’Università sia come la vogliamo, dobbiamo crederci prima di tutto noi, ed impegnarci attivamente per cambiare quello che non va.”
5) Giulia Santi, 2° anno. “Penso sia nell’interesse di tutti noi studiare in una buona Università e vorrei impegnarmi per raggiungere quest’obiettivo.”
6) Giacomo Cuscunà, 2° anno. “Fare promesse elettorali credo sia del tutto superfluo. Ma se dovessi venire eletto il mio impegno sarà massimo!”
7) Elisa Pototschnig, 2° anno. “Il SID, anche se è il fiore all’occhiello di Scienze Politiche viene tracurato…Io farò di tutto affinchè la voce di Gorizia venga ascoltata.”
8) Attilio Di Battista, 1° anno. “Credo nell’Università come momento centrale nella formazione delle nuove generazioni- noi!- e nell’originalità di Gorizia.”
9) Dario Zanardi, 2° anno. “Esprimerò al meglio la voce degli studenti affinchè quest’Università- ed in particolare Gorizia- migliori.”
10) Elisa Trevisan, 2° anno. “Darò una mano a Studenti in Movimento, sostituendo i futuri rappresentanti che decideranno di andare in Erasmus, per garantire la continuità.”

L’operato dei futuri rappresentanti al Consiglio di Facoltà s’integrerà con quello dei rappresentanti del Corso di Laurea. Questo per far si che a Trieste si arrivi pronti e sicuri della linea da seguire, con la consapevolezza di star facendo qualcosa di veramente utile per Scienze Internazionali e Diplomatiche. Dunque, detto fatto, il 16 e il 17 Aprile si terranno le elezioni… Siate numerosi alle urne! Nel frattempo… buona campagna elettorale!

Federica Salvo

Be the first to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: