Terza settimana del torneo di calcio a 5 “14/15

3. Atleti Azzurri, Bergamo.
3. Atleti Azzurri, Bergamo.

Buongiorno a tutti, oggi apriamo la nostra rubrica settimanale con uno stadio tutto dedicato al DEPORTIVO LA CAROÑA, ecco a voi l’Atleti Azzurri di Bergamo, stadio dell’Atalanta. Quella che stiamo per raccontarvi è stata una settimana ricca di eventi per il Deportivo, impegnato ben due volte nell’arco di 4 giorni. Novità assoluta di questa settimana è il doppio commento della seconda partita settimanale. Ironia e sarcasmo contraddistinguono l’articolo di John Ballfight , invece più obbiettivo è stato il nostro inviato Richard.

 

1/12/2014: DEPORTIVO LA CAROÑA – SOVIET 1000

La partita tra i detentori del titolo e gli outsiders del secondo anno si può dividere in due parti corrispondenti ai due tempi del match: nel primo parziale una partita sostanzialmente equilibrata, in cui i giovani prevalgono 3-0 grazie a degli episodi fortunati e agli errori sotto porta dei campioni, che non riescono a bucare il ritrovato portiere delle Carogne Marco Dessi. Il secondo tempo è più emozionante, ma meno combattuto, con il Deportivo che va a segno a ripetizione, ma che nel finale vede i Sovietici riprendersi dalla sbronza di vodka e tirare fuori un po’ d’orgoglio segnando così due gol, con il secondo parziale che indica un 12-2 per i ragazzi del secondo anno.

Tra i marcatori spiccano la doppietta di Zuin, decisivo e puntuale, la tripletta dell’ormai affermato Bomber Caslini e la realizzazione di ben sei reti da parte del #10 delle Carogne, Simonella.

Un elogio ed un augurio va fatto anche al tecnico del Deportivo, Fiorentini, il quale è riuscito a dare un’identità al gioco di squadra e a provare tattiche e schemi di gioco, dato il confronto non troppo impegnativo.

Parafrasando il commento di alcuni tifosi vi porgo i miei saluti ed auguro a tutti una buona settimana.

‘Complimenti Mister per la vittoria ora vogliamo vedere cosa sa fare contro i principali pretendenti al titolo’.

Sir John David Florence

4/12/2014: LE DADE – DEPORTIVO LA CAROÑA       

PER UN PUGNO DI GOL: se il calcio sa essere crudele, il calcio a 5 sa essere molto, molto crudele. Quella andata in scena oggi presso la palestra dell’U.G.G. tra Le Dade e il Deportivo la Carogna non è stata una partita, ma un lento supplizio per le povere ed innocenti ragazze.

Sin dal calcio d’inizio si intuisce che la partita sarà difficilissima, la panchina corta di entrambe le squadre obbliga le Dade a dover cercare di centellinare un minimo le energie per sperare di reggere la fatica per 40 minuti. Nei primi 5 minuti la partita è vivace, con i boys che attaccano a spron battuto e le girls che si difendono come meglio possono; aiutate ancora una volta dal loro ottimo portiere che dimostra di possedere discrete capacità. Il solito, tristemente noto, Simonella, trova un gol fortunoso su sviluppo da calcio d’angolo e la partita finisce lì. Punto al merito alla bomber numero 9 molisana che riesce a piazzare un tiro di prima intenzione nell’angolino basso alla destra del portiere, colpevole di non fare assolutamente nulla per evitare la frittata. La partita in sostanza è tutta qui, con gli uomini che attaccano senza dover dare troppe spiegazioni, ignorando che domani, quando le luci sulla palestra saranno spente, le donne riprenderanno il controllo della situazione e torneranno ad avere il coltello dalla parte del manico. Ma quelle partite non ve le racconto nemmeno, tanto le conosciamo tutti e tutte.

John Ballfight

ECCO A VOI IL SECONDO COMMENTO TECNICO DELLA PARTITA: nuovamente chiamati in causa dal calendario, i ragazzi del DEPORTIVO hanno chiuso la settimana calcistica e un mini tour de force di due partite consecutive affrontando le DADE, l’unica compagine femminile del torneo. Come da pronostico, con grande dispiacere di un pubblico numeroso e ribollente di entusiasmo, le ragazze non sono riuscite a scalfire le certezze degli avversari, che si sono imposti con il punteggio di 12-1 (6-0 a fine primo tempo).

Andati spesso a segno con facili e talvolta spettacolari conclusioni, nonostante abbiano giocato sotto traccia rispetto alle prestazioni a cui ci hanno abituati finora, i vincitori vantano due marcature quadruple (una del nostro Sir John David Florence, maglia #10, ormai presenza consolidata del torneo nelle doppie vesti di commentatore-giocatore, ed una del #8 Mauro, che ha tenuto il meglio per la ripresa, nella quale ha realizzato tutti i suoi gol) oltre ad una tripletta, messa a segno dal #11 Giacomo, che dagli spalti è parso in grande spolvero e sempre determinato nelle fasi di gioco. Lasciamo quindi immaginare quanto, per il nostro pubblico da casa, sia stato difficile votare un Man of the Match insignito dell’onore di portare a casa il pallone della partita.

D’altra parte, la rete delle ragazze, abili e ciniche a sfruttare una imperdonabile leggerezza in disimpegno degli avversari con la loro #8 Marta, ha fatto meritare loro, anche per l’impegno dimostrato durante tutta la partita, un grande applauso dagli spalti e da chiunque sia un vero amante dello sport. E guai a dire che la cavalleria è morta: i ragazzi si sono distinti per la loro galanteria sia in alcuni contrasti che, soprattutto, nell’occasione del penalty accordato loro da un arbitro inflessibile ma giusto, dal momento che il loro #10, pur vedendo la possibilità di scrivere il suo nome nella storia dell’UGG e di consegnare una partita da 5 reti ai posteri, ha preferito calciare a lato e guadagnare la preziosa approvazione delle donzelle.

L’appuntamento è per la prossima partita, Richard

Classifica, terza settimana del torneo.
About Cus Gorizia Ts 10 Articles
Il Centro Universitario Sportivo (CUS) si occupa di organizzare le attività sportive durante la settimana. L’offerta è ampia: torneo di calcio a 5, pallavolo, tennis,corsi di Krav Maga, rugby e pallacanestro.

Be the first to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: