Ciak! Sconfinare – Walk With Me

Credits: Pagina Facebook Walk with Me

Thich Nhat Hanh è un monaco buddhista vietnamita, nonché una delle più importanti guide spirituali del nostro tempo. E’ partendo dalla sua esperienza di vita che Marc Francis e Max Pugh realizzano il documentario dal titolo Walk with Me, uscito al cinema a settembre 2017.  Dopo essere stato esiliato dal suo paese ed essersi trasferito in Francia, nel 1982 Thich Nhat Hanh fondò il Plum Village, una comunità di monaci e laici, uomini e donne nei pressi i Bordeaux, nella quale tuttora vive e insegna la tecnica della meditazione mindfulness.

Il film mostra alcune scene di vita all’interno del Plum Village, la vita dei monaci e delle monache, i momenti di preghiera ma anche gli incontri comunitari con il maestro per meditare insieme. Sono scene di vita quotidiana, semplice, vissuta in tutta la sua profondità, un piccolo universo di persone, gesti e rituali. Una ragazza canta in un giardino, un gruppo di persone pregano insieme, un monaco si distende su un prato e quando suona la campana tutti si fermano, lasciano ciò che stanno facendo per tornare presenti a sé stessi, ossia concentrarsi solo sul momento presente, ed essere in perfetto equilibrio con il resto del mondo.

A circondare questo piccolo grande mondo è la natura, resa antropomorfa nel film da una voce narrante che ne interpreta i mutamenti. Le nuvole che corrono leggere nel cielo, il vento che muove le fronde degli alberi, il fiume che scorre, le foglie pronte a staccarsi dai rami. Presto quella nuvola non sarà più vapore, ma acqua che cade dal cielo e bagna la terra per ridarle vita. Il vento soffia sugli alberi e gli steli d’erba. Le foglie cadono riempiendo di colori i sentieri. Tutto è vivo, tutto è in costante movimento.

Thich Nhat Hanh
Source: Flickr

Al Plum Village c’è un momento molto simbolico in cui si percorrono sentieri tra gli alberi. Camminare, come attraversare, cambiare, mutare forma, morire e poi rinascere per entrare in piena simbiosi con il ciclo della natura. Una donna cammina assieme ad altre persone su un sentiero nel mezzo di una foresta, si ferma, appoggia la mano sul tronco di un albero, lo ascolta, ne sente l’energia. Questo è quello che insegna la meditazione mindfulness, a sentire l’energia di ogni elemento del mondo, partendo dalla consapevolezza di sé.

Mindfulness come qui e ora. Mindfulness come adesso. Mindfulness come presente, perché ciò che viviamo e che possiamo vivere è solo presente. Il passato non c’è più e il futuro non è ancora arrivato. Possiamo vivere davvero solo se siamo presenti a noi stessi, solo se ascoltiamo il nostro corpo ed entriamo in relazione con il mondo circostante, rendendo veramente piena e intensa la nostra vita.

Walk with me, cammina con me, sii presente a te stesso per cogliere la bellezza di questo mondo. Walk With Me non è un semplice documentario, è un prezioso racconto di vita e di vite capace di arrivare a tutti, un viaggio nell’universalità del quotidiano. È rendersi conto di quanto sia prezioso e importante essere presenti a sé stessi per vivere appieno la propria vita.

About Giuseppina Matozza 2 Articles
Studentessa del primo anno al SID di Gorizia. Sono appassionata di letteratura, arte e animazione giapponese. Adoro viaggiare. Amo la scrittura in tutte le sue molteplici forme: dalla prosa alla poesia, dal giornalismo alla scrittura creativa. Felicissima di mettermi in gioco con Sconfinare.

Be the first to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: